INTENZIONI & SENTIMENTI

L’inverno e l’inizio di un nuovo ciclo attorno al Sole sono momenti in cui si semina ciò che si desidera vedere sbocciare nel corso delle stagioni calde. Dopo un autunno di introspezione in cui ci si è dedicati a lasciare andare il superfluo e creare lo spazio interiore, il terreno fertile, per piantare i semi dei nuovi progetti, è ora tempo di riflettere su cosa si desidera profondamente manifestare in questo nuovo anno.

Sappiamo che la vita è un processo che si sviluppa a cicli in cui periodi di espansione e di contrazione si alternano esaltanosi l’un l’altro ed è dunque molto naturale che dopo le sfide del 2020 ci si affacci a questo nuovo anno con molta speranza e un po’ di disillusione. Il 2021 comincia con tante incertezze e confusione esterna e per questo è più che mai fondamentale radicarsi attraverso le proprie certezze interiori e quelle Verità eterne che sostengono l’esistenza stessa.

Consiglio di cercare nel silenzio e nella meditazione la chiarezza e la pace interiore necessarie per vedere al di là dello stress e l’ansia che naturalmente affiorano quando si pensa al futuro incerto. Calmare la mente e il sistema nervoso ci aiuta a connetterci col cuore e a sintonizzarsi con le frequenze più alte e le qualità della coscienza che ci rendono forti e inarrestabili. 

Vogliamo affacciarci all’ignoto con determinazione, coraggio, flessibilità, fede, apertura e desiderio di riuscire. Visualizzarsi vittoriosi ci connette con la fonte di infinita abbondanza perchè ci si apre alle opportunità che si presentano con la massima adattabilità e umiltà.

Affidarsi semplicemente e a cuore leggero al flusso, vivere nel presente con quello che c’è qui e ora è la lezione di questi tempi. La capacità di arrendersi al presente si accompagna ad un sentimento di fede profonda che tutto va bene, che siamo in grado di affrontare ogni sfida che si presenta sul nostro cammino e che c’è un perchè a tutto quello che succede anche se ciò non è evidente al nostro intelletto. Quest’approccio ci permette di sviluppare un senso di agio, ottimismo e gratitudine che favoriscono la nostra capacità di dare il meglio di noi stessi che è sempre la scelta migliore che possiamo fare.

A Proprio Agio

Il nostro futuro è determinato, in larga parte, dalle scelte che facciamo ora. Non possiamo sempre controllare le circostanze che influsicono la nostra vita, ma possiamo sempre scegliere come agire di fronte a ciò che succede. Ogni azione, pensiero e sentimento sono creati a partire da un’intenzione che è la causa di un effetto. Se siamo i creatori della causa, non possiamo poi sottrarci all’effetto conseguente.

In questo senso siamo responsabili di ogni azione, pensiero e sentimento oltre che all’intento che li crea ed è il motivo per cui ne viviamo le conseguenze. 

Con questo promemoria dalla scorsa Newsletter ti invito a rivendicare il tuo potere assoluto di creare la tua realtà modificando la tua percezione di essa e scegliendo ora le sfumature con cui vuoi colorare il tuo futuro. La mente è desiderosa di sicurezze e certezze, ma la vita è continua trasformazione in un velo di mistero, per questo un approccio troppo razionale sarà sempre fonte di frustrazione e sofferenza. Invece di nuotare controcorrente e desiderare di tornare indietro, allineati col flusso del cambiamento e coltiva le più alte frequenze imparando a sentire l’energia e direzionarla col cuore.

OGNI FINE è UN NUOVO INIZIO

Eccoci all’ultima email di questa Newsletter che ci ha accompagnato durante lo strano anno 2020. Non sapevo bene cosa sarebbe stata quando ho deciso di crearla a Gennaio, ma sono felice di averla fatta perchè, anche se in certi momenti ho trovato difficile trovare le parole giuste per accompagnare ciascuno nelle proprie sfide in un periodo così assurdo, alla fine mi ha insegnato molto.


Questo appuntamento mensile mi ha permesso di andare al di là delle mie incertezze e focalizzarmi sul tema che mi è stato più a cuore in questo giro attorno al sole: riconnettersi coi cicli naturali per ritrovare il proprio centro, la fonte di stabilità nonostante le circostanze, e supportare il risveglio dell’intelligenza naturale, l’intuito, che guida nel trovare soluzioni creative ad ogni tipo di problema. 

Troppo spesso a scandire il passare dell’anno solare sono festività di calendari religiosi e commerciali introdotti da autorità nelle quali molta gente neanche si riconosce, ma non si sa quando siano i solstizi o i cicli lunari e che effetti abbiano sul nostro equilibrio interiore. Come mai è più comune sapere quando è San Valentino che non gli equinozi? e quale dei due ha una veritiera rilevanza sui nostri meccanismi di trasformazione psico-fisica?

Nel realizzare quanto la società moderna ci abbia distanziati dalla nostra natura essenziale, in un anno come questo, ho personalmente trovato conforto e stabilità nel risvegliare il collegamento coi ritmi della natura e sono felice di avere condiviso questo percorso con voi introducendo maggiore consapevolezza dei cicli naturali nel quotidiano vivere. 

Questo è stato un anno in cui abbiamo sicuramente imparato tanto di noi stessi e di che cosa è veramente importante. Ad alcuni è stato imposto di rallentare e sperimentare stati di solitudine, ad altri sono state date enormi responsabilità o lavoro a dei ritmi così intensi da sembrare impossibile da sostenere. Si sono vissute diverse forme di pena e si sa che la sofferenza fa crescere. In qualsiasi modo si sia passato quest’anno così assurdo, non si può dire che non sia stato profondamente e radicalmente trasformativo.

In questo ultimo mese dell’anno ti invito ad onorare quello che hai realizzato. Il tempo passa molto più in fretta di quello che ci sembra ed è solo portando attenzione ai cambiamenti che viviamo che ci rendiamo conto della trasformazione. Onoriamo chi siamo ora, alla fine di quest’anno, quello che abbiamo imparato e quello che siamo riusciti a fare. 

Questo è stato un anno in cui abbiamo sicuramente imparato tanto di noi stessi e di che cosa è veramente importante. Ad alcuni è stato imposto di rallentare e sperimentare stati di solitudine, ad altri sono state date enormi responsabilità o lavoro a dei ritmi così intensi da sembrare impossibile da sostenere. Si sono vissute diverse forme di pena e si sa che la sofferenza fa crescere. In qualsiasi modo si sia passato quest’anno così assurdo, non si può dire che non sia stato profondamente e radicalmente trasformativo.

In questo ultimo mese dell’anno ti invito ad onorare quello che hai realizzato. Il tempo passa molto più in fretta di quello che ci sembra ed è solo portando attenzione ai cambiamenti che viviamo che ci rendiamo conto della trasformazione. Onoriamo chi siamo ora, alla fine di quest’anno, quello che abbiamo imparato e quello che siamo riusciti a fare. 

Per quel che mi riguarda quest’anno il mio senso di gratitudine è esploso in tutti i sensi. Nella totale incertezza di questi tempi, sento profondamente che non mi manca nulla e sono felice. Sono grata per tutto quello che ho e per quello che sono riuscita a fare. Per questo vi ringrazio di cuore per aver condiviso questo viaggio nel 2020 con me. 

Con profondo affetto vi auguro di passare bene questo periodo di feste, circondati da bellezza, luce e amore. 

Meditazione

Chiudiamo il ciclo dell’anno tornando al tema con cui ho aperto questa Newsletter a Gennaio: l’importanza e l’utilità della meditazione. Abituati fin da piccoli al continuo incessante movimento, nella mente e nel corpo, in età adulta sembra impossibile poter controllare il flusso di pensieri arrendendosi troppo spesso a vivere in uno stato d’essere confuso, agitato e nervoso. 

Il problema di avere un costante rumorio nella mente è l’identificazione col rumore. 

Meditare aiuta a comprendere che noi non siamo i nostri pensieri e che oltre le voci c’è il silenziouna nuova dimensione di sè, ricca di saggezza e leggerezza che è troppo spesso ignorata risultando inevitabilmente in diverse forme di sofferenza.

Meditare significa osservare i movimenti della mente senza giudizio né attaccamento. Questa antica pratica permette di esplorare la mente, comprendere l’origine dei pensieri e osservare la profondità del subconscio che è formato da materiale che è il risultato di programmazioni e condizionamenti inconsci spesso ricevuti in giovane età. Questo lavoro permette poi di fare pulizia di quelli superflui e tossici che rovinano la nostra energia e selezionare quelli che invece si intende coltivare consapevolmente per indirizzare la propria vita come si desidera davvero.

La meditazione è accessibile sempre a tutti senza discriminazione, e ci permette di uscire dalla nostra testa ed entrare nel nostro cuore per osservare la realtà con il sesto senso: il senso di Sè e l’intuizione. Quest’ultimo ci mette in connessione con le dimensioni dell’invisibile. Se questo mistero spaventa è solo perchè non lo si conosce, in realtà fa parte del nostro essere ed esiste per aiutarci ad evolverci

Raggiungere uno stato meditativo richiede pratica, pazienza e costanza. Per quanto quest’esercizio all’inizio possa risultare difficile, è un lavoro i cui benifici sono infiniti e che migliora la vita. Uno stato mentale consapevole ci aiuta a vivere nel presente, distogliendoci dai pensieri inutili legati al passato (rimpianti e depressione) o al futuro (ansia e stress) e questo favorisce un senso di gratitudine per quello che si ha e si vive qui e ora e una inevitabile felicità d’essere.

Picture by @silicon.for.lunch

About alignment

Extracts from Let’s talk about alignment: what is it and how does it affect us? I wrote for LSN Gymnasia‘s Blog.

Alignment: a simple and intuitive concept whose understanding and implementation improves life.

Alignment for Health

In modern times it is common to hear about postural issues causing forms of dysfunctioning of the body. The truth is that our body was not conceived to spend so many hours seated on a chair or working on a desk, but was meant to be kept active with physical activities so that the muscles, organs and systems would get stimulated and oxygenated maintaining a healthy state. Obviously, the physical activities would be followed by a good resting time to integrate and recharge, which is also something that many people in Western countries and modern society have lost. 

Sedentary lifestyles create a myriad of muscular-skeletal disorders associated with keeping the body still and seated for many hours, such as round shoulders, neck pain, headache, low back pressure, tight hips, flat feet just to mention a few. It’s important that we understand the fundamental need to introduce healthy habits for our ancient bodies to adapt to the modern world’s comforts. These good habits include physical activity, stretching and regulating alimentation to energy consumption. 

What is alignment?

Alignment is the ideal musculoskeletal system positionThe human body has eight major load-bearing joints: shoulders, hips, knees and ankles. These joints function best when horizontally and vertically aligned, therefore when they are out of alignment, the body is susceptible to joint wear and tear, pain and injury.

The human body was designed to stand on two feet and to be in motion constantly in order to survive. The combination of gravity and movement is not only necessary to maintain the body’s skeletal alignment, but also critical for survival prior to modern conveniences. Today, we no longer need to move in order to survive, instead, to make a living, most of us click a mouse and stand stationary. The problem is simple: we do not move nearly enough to remain pain free and functional.

At LSN we very well understand the importance of maintaining a good physical state to run a healthy life-style and how body alignment is fundamental for the correct execution of any athletic endeavor, from the simplest to the most complex. For this reason we promote Pilates, Yoga and postural gymnastics techniques that use gravity and a person’s own body weight to improve alignment, balance and strength, naturally eliminating the underlying causes of pain and physical limitation. Particularly fond of the Yoga Wall as a practice that enhances physical alignment and body awareness, LSN is a great promoter of its use for strengthening and decompression. LSN also encourages the integration of passive stretching sessions to postural exercises to improve the muscular tissue flexibility, joint mobility and muscle memory. These practices are a perfect match to all types of workouts, they do not need to replace more intensive training, but on the contrary they allow for a balanced training progression maintaining awareness of joint health and posture.

Other types of alignment LSN cares about

In the ancient discipline of yoga alignment has more than one meaning. On one end it refers to the correct musculoskeletal alignment in the asanas, the yoga postures, or the specific way in which a pose should be done to achieve maximum benefits and to minimize the possibility of injury. On the other hand it refers to the state of unity, harmony and ultimately peace amongst mind, body, and soul highlighting the connection between the emotional and the physical planes..

The doorway between your mind and your body, is emotion, the heart. Your emotional body is like a membrane between your physical body and your mental body, this is why it’s important to “feel good” to be well.

However, because everything is interconnected, this also works the other way round for our skeletal and muscular systems, because posture can be the cause that affects thoughts and emotions.The phenomenon is referred to as embodied cognition,which asserts that our bodies can affect our emotions and studies have confirmed the relationship between mood and posture. The physical posture tells a lot about the state of mind of a person. Standing upright with shoulders back, the head straight up with the chin lifted, signals to the brain that we are feeling confident, strong and at ease. The confidence actually comes from feeling taller, and therefore “bigger” and more self-assured, the strength comes from a sense of courage in being vulnerable by opening the chest and hence the heart, and both these qualities make anyone feel at ease. Similarly, when we are depressed and we worry, we tend to round the shoulders in a posture that represents closure. This idea easily makes sense if we understand that feelings fire responses in the nervous system which impact our physical body in a number of ways. For example, negative feelings such as anxiety and fear cause a great deal of stress in the body, which can be interpreted as physical pain. These feelings experienced consistently can break down the immune system leaving the body virtually defenseless against sickness, disease and disharmony.

As it has been scientifically proven, all that exists in the universe is energy that vibrates at a certain frequency, and so are we. We can use multiple techniques to harmonize our frequency and raise our energy, for example meditation helps release negative thought patterns and sound therapy has developed knowledge in dissolving the state of disease by bringing harmony through the use of sound.

Life purpose alignment 

Harmony is a state that exists only when your thoughts, feelings and actions are aligned and this is everybody’s daily task. To achieve this objective a number of habits are useful to create a state of wellness which is the foundation for a life of harmony. Many of these practices have been mentioned in our Wellness lifestyle article, you can check it out to learn more. Wellness lifestyle

Did this article spark your curiosity? What are your thoughts about alignment? Do you have questions? Share them in the comment box below 

Did you enjoy the content of the article? Share it on your socials FB IG Twitter

sull’allineamento

Estratto dall’articolo Parliamo di allineamento: che cos’è e come ci influenza? che ho scritto per il Blog di LSN Gymnasia

Il concetto di allineamento è semplice ed intuitivo e la sua comprensione e attuazione migliora la vita

Allineamento per la salute

Al giorno d’oggi è comune sentire parlare di dolori e disfunzioni fisiche causate da problemi posturali. La verità è che il nostro corpo non è stato concepito per trascorrere così tante ore seduto a lavorare da una scrivania, ma piuttosto per essere mantenuto attivo in modo che i muscoli, gli organi e i sistemi siano stimolati, ossigenati e di conseguenza sani. Ovviamente le intense attività fisiche di cui il corpo è capace devono poi essere seguite da un momento di riposo e distensione per integrare lo sforzo e anche questa è una buona pratica che nei paesi occidentali e nella società moderna si è persa. 

Gli stili di vita sedentari creano una miriade di disturbi muscolo-scheletrici associati al mantenimento del corpo fermo e spesso seduto in posizioni scorrette per ore, come per esempio spalle curve, dolore cervicale, mal di testa, compressione lombare, rigidità articolare in particolare delle anche, piedi piatti solo per citarne alcuni. Per questo è importante introdurre abitudini positive affinché i nostri antichi corpi rimangano sani nonostante i comfort del mondo moderno. Queste buone abitudini includono l’attività fisica, lo stretching e un’alimentazione equilibrata al fabbisogno energetico. 

Cos’è l’allineamento?

L’allineamento è la posizione ideale del sistema muscolo-scheletrico. Il corpo umano ha otto principali articolazioni portanti: spalle, anche, ginocchia e caviglie. Queste funzionano meglio quando sono allineate orizzontalmente e verticalmente, per tanto quando sono disallineate il corpo è suscettibile a dolore, lesioni e usura delle articolazioni.

Il corpo umano è stato concepito per stare eretto su due piedi e per essere costantemente in movimento per provvedere ai bisogni di base. La combinazione di gravità e movimento non è solo necessaria per mantenere l’allineamento scheletrico del corpo, ma storicamente è anche fondamentale per la sopravvivenza. Invece al giorno d’oggi, con l’avvento delle comodità moderne, per guadagnarsi da vivere la maggior parte di noi rimane immobile e fa clic con il mouse. Il problema è semplice: il nostro corpo non si muove abbastanza per rimanere sano e funzionale.

LSN promuove la salute fisica per il benessere generale e riconosce l’importanza dell’allineamento del corpo per la corretta esecuzione di qualsiasi gesto atletico, dal piú semplice al più complesso. Per questo motivo che LSN promuove Pilates, Yoga e tecniche di ginnastica posturale che utilizzano la gravità e il peso corporeo di una persona per migliorare l’allineamento, l’equilibrio e la forza, eliminando naturalmente le cause alla base del dolore e della limitazione fisica. LSN è particolarmente appassionata dello Yoga Wall come pratica che migliora l’allineamento fisico e la consapevolezza del corpo e promuove il suo utilizzo per il rafforzamento e la decompressione. LSN incoraggia anche l’integrazione di sessioni di stretching passivo con esercizi posturali per migliorare la flessibilità del tessuto muscolare, la mobilità articolare e la memoria muscolare. Queste pratiche si abbinano perfettamente a tutti i tipi di allenamento, non hanno bisogno di sostituire un allenamento più intenso, ma al contrario consentono una progressione equilibrata dell’allenamento mantenendo articolazioni sane e la consapevolezza della postura.

Altri tipi di allineamento di cui LSN tiene conto

Nell’antica disciplina dello yoga l’allineamento ha più di un significato. Da un lato si riferisce al corretto posizionamento muscolo-scheletrico nelle asana, le posture dello yoga, o al modo in cui una posa dovrebbe essere eseguita per ottenere i massimi benefici e ridurre al minimo la possibilità di lesioni. Dall’altro, si riferisce allo stato di unità e armonia tra mente, corpo e anima, evidenziando la connessione tra il piano emotivo e il piano fisico della realtà.

Il canale di comunicazione tra la mente e il corpo è l’emozione, il cuore. Il tuo corpo emozionale è come una membrana tra il tuo corpo fisico e il tuo corpo mentale, ecco perché è importante “sentirsi bene” per stare bene.

Tuttavia, poiché tutto è interconnesso, questo funziona anche al contrario, perché la postura può influenzare i pensieri e le emozioni. Il fenomeno è indicato come cognizione incorporata, i cui studi confermano la relazione tra umore e postura. La postura fisica dice molto sullo stato d’animo di una persona. Stare in piedi con le spalle indietro, la testa dritta con il mento sollevato, segnala al cervello che ci sentiamo sicuri, forti ed a nostro agio. La fiducia in realtà deriva dal sentirsi più alti, più grandi, e quindi più sicuri di sé, la forza viene da un senso di coraggio nell’essere vulnerabili aprendo il petto e quindi il cuore, ed entrambe queste qualità fanno sentire chiunque a proprio agio. Allo stesso modo, quando siamo depressi e ci preoccupiamo, tendiamo ad arrotondare le spalle in una postura che rappresenta chiusura, paura e diffidenza. Questo fenomeno è intuitivo se comprendiamo che i sentimenti attivano risposte nel sistema nervoso che hanno un impatto sul nostro corpo fisico. Ad esempio, sentimenti negativi come ansia e paura causano una grande quantità di stress nel corpo che può essere interpretato come dolore fisico. Questi sentimenti vissuti costantemente possono abbattere il sistema immunitario lasciando il corpo praticamente indifeso contro malattie e disfunzioni.

Come è stato scientificamente provato, tutto ciò che esiste nell’universo è energia che vibra a una certa frequenza e lo siamo anche noi. Possiamo usare più tecniche per armonizzare la nostra frequenza e aumentare la nostra energia, ad esempio la meditazione aiuta a rilasciare schemi mentali negativi e la musicoterapia a armonizzare il corpo attraverso l’uso del suono.

Allineamento con il proprio scopo di vita 

L’armonia è uno stato che esiste solo quando i pensieri, i sentimenti e le azioni sono allineati e questo è il compito personale quotidiano di ognuno. Per raggiungere questo obiettivo sono utili alcune abitudini per creare uno stato di benessere che è alla base di una vita armoniosa. Molte di queste pratiche sono state menzionate nel nostro articolo Il benessere come stile di vita

Quali sono i tuoi pensieri sull’allineamento? Condividi nella casella dei commenti qui sotto 

Ti è piaciuto il contenuto dell’articolo? Condividilo sui tuoi social

sul benessere

Estratto dall’articolo Benessere come stile di vita che ho scritto per il Blog di LSN Gymnasia.

Cos’è il benessere?

Con il termine benessere si intende uno stile di vita basato sulla scelta quotidiana di praticare abitudini consapevoli al fine di migliorare la salute fisica e mentale e con l’obiettivo di vivere una vita fiorente invece di una semplice sopravvivenza. Vivere in uno stato di benessere è un processo che consente di prendere coscienza su come funzioniamo e fare scelte verso una vita sana e appagante.

Molto più che uno stato privo di malattia: è di fatto un processo complessivo di crescita orientato al benessere psicofisico olistico della persona con benefici su tutti gli aspetti della vita, dalla salute fisica allo sviluppo professionale. Vivere uno stile di vita di benessere ti porta inevitabilmente ad essere più energico, concentrato, rilassato e, in definitiva, felice.

Corpo e mente sono strettamente connessi

L’equilibrio tra le parti è sempre fondamentale ma lo è in particolar modo quando si parla di corpo e mente, poiché il primo è responsabile della salute fisica e della capacità di funzionare, la seconda della motivazione necessaria nonché dell’iniziativa di ogni azione. L’uso di uno senza l’altro risulta in un’inevitabile malfunzionamento del sistema.  Per questo le persone con problemi di salute mentale hanno un rischio maggiore di malattie fisiche e le persone con condizioni mediche croniche hanno maggiori probabilità di avere problemi di salute mentale rispetto alle persone che sono fisicamente sane. 

Quando parliamo di benessere, inevitabilmente ci riferiamo ad uno stile di vita che si prende cura di  sia del corpo che della mente, riconoscendo gli effetti dei nostri pensieri, emozioni, comportamenti ed abitudini nella nostra salute psichica.

La multidimensionalità del benessere

Benessere è un concetto multidimensionale che riguarda tutti gli aspetti dell’esistenza, che si prende cura di tutte le sfere del corpo e della mente riconoscendo gli effetti dei nostri pensieri, emozioni, comportamenti e abitudini sulla salute e che abbracciando l’idea di approccio olistico ha numerosi benefici su tutti i livelli.

Tutto è interconnesso

L’esercizio fisico insieme con una buona alimentazione sono essenziali per mantenere il corpo sano e forte. Poche ore di attività alla settimana non possono fare miracoli se si continua a seguire abitudini di vita malsane come mangiare sregolato, fumare, bere alcolici e dormire poco. Non c’è benessere se l’attività fisica non è supportata e collegata a una sana alimentazione completa con un equilibrato apporto di carboidrati, proteine, lipidi, vitamine, minerali e acqua.  Sottolineiamo inoltre la crescente importanza che viene attribuita alla qualità del sonno e del riposo, sia per il corpo che per la mente. Ritagliarsi momenti personali per rilassarsi e praticare la meditazione è fondamentale per migliorare la qualità della vita, poiché l’attenzione diventa più focalizzata sul momento presente, l’ansia e i dubbi diminuiscono e la chiarezza, la pace interiore e la capacità di agire senza paura aumentano. Passare tempo in natura, passeggiare all’aria aperta, nuotare, contemplare il cielo o stare in compagnia degli animali, possono riportarci ad una dimensione più umana e permettere al nostro corpo di ritrovare una rinnovata energia.

Benefici complessivi del benessere

L’attività e l’esercizio fisico sono di grande aiuto nel cambiare le abitudini negative. Infatti, rinforzando il corpo si rafforza la mente e coltivando l’impegno, la determinazione, la costanza e la concentrazione si  fortifica  l’animo. Rafforzati corpo e anima si raggiunge una migliore consapevolezza dei benefici che ne derivano. D’altra parte, l’acquisizione di sane abitudini aumenta la sensazione di efficienza nella vita di tutti i giorni e una predispone all’autocontrollo.

Quando il benessere inizia a influenzare ogni campo della vita, si sente crescita e positività. Aumentano i rapporti positivi e di conseguenza  la tua gratitudine per le esperienze che si vivono e un senso di umiltà e compassione che derivano dalla comprensione che stiamo tutti lavorando, in un modo o nell’altro, a migliorarci e che questo percorso richiede diversi sforzi. Questo processo elimina inevitabilmente il giudizio, sia verso gli altri che verso sé stessi. Praticare attività fisica regolare, mantenere diete sane ed equilibrate e tenere sotto controllo i pensieri con tecniche di meditazione permettono di sviluppare maggiore concentrazione e consapevolezza e questo stato di presenza aumenta la percezione della verità e di ciò che è veramente importante. 

Lo stato di pace che deriva da uno stile di vita all’insegna del benessere aumenterà la tua produttività e le tue capacità. In questo stato di flusso ti sentirai realizzato nel tuo presente e la vita si rivelerà piena di opportunità per crescere ed espandersi.

Qual è il tuo consiglio sullo stile di vita del benessere? Condividilo nel commento qui sotto

About wellness

Extracts from Wellness Lifestyle article I wrote for LSN Gymnasia‘s Blog.

What is wellness?

With the term wellness we mean a lifestyle based on a daily active choice of practicing conscious habits to attain better physical and mental health outcomes with the objective of living a thriving life instead of just surviving. Wellness is a process of becoming aware of how we function and making choices toward a healthy and fulfilling life.

Wellness isn’t merely being free from disease, it’s an organic process of growth. Living in wellness, we embody a lifestyle oriented to the holistic psycho-physical well-being of the person. In this way it’s possible to experience benefits on all aspects of life from physical health to career development. Living a wellness lifestyle allows you to feel energized, focused, stress-free and ultimately happy.

Body & Mind are strictly connected

The natural body-mind connection and need for integration is undeniable. In fact, while the body holds the physical health and the ability to function, the mind houses the inception and the motivation to function. People with mental health problems have a greater risk of physical illnesses and similarly people with chronic medical conditions are more likely to experience mental health problems than people who are physically healthy. 

When we speak of wellness we inevitably refer to a life-style that takes care of all spheres of both body and mind recognizing the effects of our thoughts, emotions, behaviours and habits on our physical health.

Multidimensionality of wellness

Wellness is a multidimensional concept that affects all aspects of existence, therefore the benefits that wellness practices have in life are many and have effects on many levels.

Everything is interconnected

Exercise is essential to maintain a healthy strong body and nutrition represents, in effect, one of the most effective systems for maintaining a good state of physical health. A few hours of physical activity or exercise a week cannot work wonders if you continue to follow unhealthy lifestyle habits such as eating junk food, smoking, drinking alcohol and getting little sleep. There is no wellness if physical activity is not supported by and connected to a healthy complete diet with a balanced supply of carbohydrates, proteins, lipids, vitamins, minerals and water. We must also emphasize the increasing importance that is attributed to quality sleep and rest both for the body and the mind. Carving out personal moments to disconnect and relax is essential for overall brilliance. Practicing meditation can do miracles in improving the quality of life, as your attention becomes more focused on the present moment, anxiety and doubts decrease and clarity, peace and the capacity to take action without fear increase. Walks in the open air, a refreshing swim, or simply contemplating the sky and nature, can bring us back to a more human dimension and allow our body to find renewed energy.

Overall benefits of wellness

Physical activity and exercise are of great help in changing negative habits, in fact, strengthening the body, strengthens the mind and builds commitment, determination and focus allowing a better perception of the benefits that derive from their correction. On the other hand, the acquisition of healthy habits increases the feeling of efficiency in everyday life and predisposes to self-control, physical activity and exercise.

As wellness starts to affect every field of your life you feel the growth and feel positive. You start to expand in your healthy relationships, spiritually and emotionally, and your gratitude and compassion grow. This process inevitably eliminates judgement, both towards others and yourself. Practicing regular physical activity, eating healthy balanced diets and keeping your thoughts under control with meditation techniques allow you to develop focus and heightened awareness. Moreover in this state of presence and gratitude you will start to recognize the truth of what is really important, you will develop a strong shield to stress and anxiety and access a space of relaxed flow. 

The state of peace that comes with a wellness life-style will increase your productivity and skillset. In this state of flow you will feel accomplished in your present beingness and life will reveal itself full of opportunities to grow and expand.

What is your tip on wellness lifestyle? Share it in the comment below

in sintonia

Le tue credenze diventano i tuoi pensieri
I tuoi pensieri diventano le tue parole
Le tue parole diventano le tue azioni
Le tue azioni diventano le tue abitudini
Le tue abitudini diventano i tuoi valori
I tuoi valori diventano il tuo destino


Mahatma Gandhi

Se già di suo l’autunno ci invita all’introspezione e ci prepara alla fase di riposo del letargo invernale, il momento storico che stiamo vivendo ci porta ancora di più a passare tempo con noi stessi all’interno. Arrendiamoci alla realtà attuale e cerchiamo di trarne il massimo in termini di crescita personale. 

La vita è continua trasformazione. In ogni istante il nostro corpo e la nostra mente cambiano e per questo non esisteranno mai due momenti identici.

Nell’arrenderci al cambiamento sappiamo due cose per certo: la prima è che ci lasciamo indietro una vecchia versione, di noi e del mondo, e che per tanto in ogni momento dobbiamo sempre confrontarci con il lutto della separazione da essa; la seconda è che abbiamo il potere e il dovere di indirizzare la trasformazione verso la realtà in cui desideriamo andare.

Questo processo simultaneo di accettazione della fine e di apertura al nuovo si applica a qualsiasi aspetto dell’esistenza nella dimensione spazio-temporale in cui il tempo è percepito in maniera lineare. Per questo nella filosofia yogica si coltiva la metafora del ciclo naturale sincronico di dare e ricevere, di espansione e contrazione, di inspirazione ed espirazione, di movimento e immobilità, di creazione e vuoto, di morte e rinascita in tutto. Questo stato di unione e di pace è lo Yoga. 

Con questa consapevolezza nel cuore abbiamo una sola certezza: ovvero che abbiamo controllo su un’unica cosa nella vita e questa cosa siamo noi stessi. Mentre tutte le circostanze della vita sono al di fuori del nostro controllo e sono per tanto imprevedibili, il raggiungimento dello stato di sovranità interiore, ovvero di controllo sui nostri pensieri, le nostre emozioni e delle nostre azioni, è totalmente nelle nostre mani. Con la forza di volontà possiamo affinare la nostra capacità di percepire la realtà, filtrare le influenze esterne che spesso sono guidate da interessi che non servono noi, controllare gli istinti regressivi e sviluppare la capacità di agire correttamente in qualsiasi situazione. 

Pensare al proprio benessere è un dovere universale che ognuno di noi ha fin dalla nascita. Non è affatto egoista, anzi non farlo lo è, perchè implica l’aspettativa che qualcun’altro si occupi del nostro benessere per noi. Questa delegazione è ciò che crea una miriade di forme di sofferenza e insofferenza nella società moderna. Inoltre, significa abdicare a un nostro dovere personale e questo ha conseguenze energetiche importanti (sì, parlo di karma). 

Purtroppo fin da giovane età ci viene insegnato che il benessere è materiale e questa menzogna ha impedito generazioni e generazioni di persone di emanciparsi e realizzarsi credendo che desiderare benessere fosse per persone materialiste e disdegnandolo per questo.

Il capitalismo consumistico in cui siamo cresciuti ci ha insegnato che la felicità è legata all’accumulo di beni, ma sappiamo tutti che identificarsi con quello che si possiede è un’illusione. Sì, perchè la vita è trasformazione e tutto è temporaneo, ciò che possediamo è impermanente. Allora è importante coltivare il rispetto per quel benessere inquantificabile fisicamente che resta quando il materiale non c’è più e sviluppare la capacità di lasciare andare ciò che è finito, che sia un rapporto, un lavoro, una casa o anche il nostro stesso corpo, restando in uno stato di pace dei sensi sapendo che noi non siamo tutte queste cose. É solo sviluppando la capacità di lasciare andare con gratitudine ciò che è finito che si riesce a creare lo spazio per accogliere ciò che di nuovo si affaccia sul nostro cammino. Questa capacità ci libera dalla paura dell’ignoto e visceralmente dalla paura primordiale della fine, la paura della morte.  

Il benessere è uno stato d’Essere che si coltiva interiormente e che si manifesta esteriormente nella maniera che uno desidera, che essa sia tramite beni materiali o spirituali, quella è una scelta personale.

Ho di recente scritto un articolo sul benessere come stile di vita per LSN Gymnasia che è la compagnia con cui collaboro. Vi invito alla sua lettura, fatemi sapere cosa ne pensate!

Karma
Ogni azione, pensiero e sentimento sono creati a partire da un’intenzione che è la causa di un effetto. Se siamo i creatori della causa, non possiamo poi sottrarci all’effetto conseguente. In questo siamo responsabili di ogni azione, pensiero e sentimento oltre che all’intento che li crea, per questo ne viviamo le conseguenze. Questa relazione di causa e effetto esiste sia nel dominio della realtà fisica che energetica e questa dinamica nella tradizione yogica si chiama karma. 

Il karma equilibra l’energia all’interno del sistema evolutivo ed è neutrale, ovvero una dinamica energetica impersonale.

Nel mondo fisico si riflette nella terza legge del moto che recita: per ogni azione, c’è una reazione uguale e opposta. Non c’è giudizio sull’intenzione che mette in moto l’azione, il pensiero o il sentimento, ma agisce impeccabile con un ritorno di energia equivalente a quella emessa. 

Il karma serve da insegnante universale e impersonale di responsabilità personale per l’umanità. Non è legge morale universale perchè l’universo non giudica, governa semplicemente l’equilibrio dell’energia e la moralità è una creazione umana legata al libero arbitrio se scegliere l’energia evolutiva dell’amore o l’energia regressiva della paura.

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia un commento e condividilo con chi può trovarlo interessante

Namaste

L’autunno dentro

Immaginiamo che le quattro stagioni corrispondano alle quattro parti del respiro. In questa metafora, la primavera è l’inspirazione, l’estate è la parte di sospensione del respiro, l’autunno è l’espirazione e l’inverno è l’apnea.
Come saggi alberi anche noi in autunno ci si spoglia di ciò che non serve più, con una profonda espirazione si lascia andare quella parte di noi inutile, l’anidride carbonica, mentre ci si prepara psicologicamente e spiritualmente a radicare ciò che serve ed è fondamentale per sostenere il proprio processo di crescita nel periodo di riposo invernale, l’ossigeno.

La separazione da ciò che si è concluso e ciò che si lascia andare rende questa stagione un periodo malinconico associato alla tristezza del naturale addio. L’accorciarsi delle giornate, la luce più fievole e il clima uggioso sostengono la transizione verso l’interno e comincia il profondo viaggio introspettivo che intraprendiamo per tutto l’inverno. É un momento di raccoglimento interiore, di raccolta dei frutti letterali e metaforici del lavoro svolto durante la parte solare dell’anno, il periodo di semina e produzione, e un periodo di riflessione in cui si onora il proprio operato e allo stesso tempo si osservano gli elementi di ostacolo all’infinito potenziale miglioramento. Questo periodo e questo lavoro sono molto preziosi. 

L’autunno è arrivato in fretta quest’anno ed è già tempo di fare il punto della situazione di un anno che volge verso la sua fine. Approfittiamo di questa fase per dedicarci del tempo e metabolizzare tutti i processi, affondare le radici e sentirci per sapere se si sta operando nella direzione giusta. Ascoltiamoci per comprendere dove siamo nel nostro percorso evolutivo e in quale direzione desideriamo andare per crescere e realizzarci personalmente. Lasciamo cadere quelle foglie oramai appassite che hanno fatto la loro stagione. É tempo di porsi le domande: Quali aspetti della mia vita rallentano la mia realizzazione? Quali aspetti della mia personalità appesantiscono il mio carattere e frenano la mia espansione? Quali mie abitudini nuocciono al processo di crescita? Rispondiamo onestamente.

Ci sono solo due errori che uno può fare sul cammino della Verità:
non cominciare e non andare fino in fondo 

Buddha

Yoga Sutra è la collezione di aforismi scritta da Patanjali circa duemila anni fa in India in cui sono racchiusi i principi fondamentali sulla teoria e la pratica dello yoga e le linee guida per una vita significativa. In questo antico testo si distinguono otto stadi del cammino dello yoga e il quarto presentato è Pranayama. In sanscrito Prana si traduce come energia e Yama allineamento e controllo. 

Pranayama
Con pranayama ci si riferisce alla pratica di allineamento e sintonizzazione con l’ordine naturale manifestato sotto forma di energia cosciente intelligente.  Nella consapevolezza che la natura stessa della realtà è energia e che tutto ciò che esiste nella realtà, dentro e fuori dell’essere, è manifestazione di energia intelligente che vibra ad una determinata frequenza è possibile affinare la percezione e la capacità di controllo dell’energia attraverso diverse tecniche. Nella tradizione yogica è risaputo che il veicolo principale delle pratiche di controllo di prana è il respiro che è l’essenza della vita, il soffio vitale. 

Esiste un collegamento diretto tra il ritmo del respiro, il sistema nervoso e il nostro stato mentale. Per questo rallentando il respiro, rendendolo profondo e rilassato, puoi calmare la mente quando essa è turbolenta e sopraffatta dai pensieri negativi. Quando lamente è rilassata si ha accesso a un silenzio e uno spazio interiore ottimali per migliorare la percezione e la consapevolezza dell’energia interiore ed esteriore. 

Lavorare con il respiro è dunque il primo passo verso pranayama ed è il punto di accesso a livelli più profondi del campo di infinito potenziale dell’energia cosciente intelligente. 

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia un commento e condividilo con chi può trovarlo interessante

Namaste

Evoluzione radicale

In questi ultimi mesi ho sviluppato diversi programmi e progetti incentrati sul risveglio del proprio potenziale e sulla riconnessione col proprio potere autentico. Se già ero convinta che la pratica dello asana-yoga faccia miracoli nel migliorare la salute di chiunque, gli eventi di quest’anno, con tutte le sfide che portano con sè, hanno risvegliato in me il desiderio di andare oltre l’aspetto fisico e diffondere in maniera più assidua pratiche spirituali di profonda guarigione in grado di riportare chiunque al proprio centro e, in uno stato di pace interiore, in grado di far riafforare il ricordo dell’essenza del proprio Essere.

Nella tradizione yogica la vita è un’esperienza fisica, mentale, emotiva e spirituale di continua trasformazione e crescita in un processo evolutivo. In questo senso è importante conoscere i nostri strumenti e il loro funzionamento per dirigere consapevolmente la vita nella direzione che si desidera veramente. Conformarsi alle influenze esterne e accettare il percorso prestabilito comunemente definito “normale” di vita è quello che spesso blocca la creatività, il coraggio e l’autentico processo evolutivo dell’individuo.

L’identità, la personalità e il corpo che ognuno di noi ha, sono veicoli di evoluzione, mentre le decisioni e le azioni che prendiamo sono mezzi di evoluzione. In ogni momento con le nostre intenzioni diamo forma alle nostre esperienze.

Raggiungere uno stato di potere autentico è l’obiettivo evolutivo di ogni essere cosciente ed è strettamente connesso con il successo personale. Per potere autentico intendo quello interiore che ognuno di noi ha nel momento in cui è in controllo di sé, del proprio corpo, della propria mente e della propria energia. È importante connettersi con questo aspetto di sé per dare senso alla propria vita, perché ogni forma di realizzazione personale che rincorre l’ottenimento di potere esterno (beni, fama, influenza, ecc.) senza un solido e sviluppato potere interiore è in realtà fonte di attaccamento, dipendenza e in definitiva di sofferenza.

Il fatto di distaccarsi dall’attaccamento materiale del potere esterno non significa fare la scelta di vivere di miseria come un asceta nella foresta. Al contrario, vivere in allineamento col proprio potere autentico è sviluppare la capacità di avere successo nel mondo restando fedeli a sé stessi, onorando la propria natura essenziale e sviluppando le proprie capacità in allineamento con essa.

Crescere vuol dire perdere certezze
Inutile tenersi ancorati, meglio la libertà, meglio la scoperta

Igor Sibaldi

Yoga Sutra è la collezione di aforismi scritta da Patanjali circa duemila anni fa in India in cui sono racchiusi i principi fondamentali sulla teoria e la pratica dello yoga e le linee guida per una vita significativa. In questo antico testo si distinguono otto stadi del cammino dello yoga e il secondo presentato è Niyama, ovvero cinque concetti di condotta personale e disciplina interna.

Santosha 
Il secondo degli niyamas, santosha, è grazia, soddisfazione e appagamento. É essenzialmente uno stato di equanimità di fronte alle differenti esperienze della vita, una capacità di neutrale osservazione delle esperienze in uno stato di imparziale contentezza.

Si collega alla realizzazione della relatività dell’esperienza della vita, alla fede che tutto quello che succede, succede per noi e non a noi, alla capacità di rimuovere il giudizio criticante dell’Ego sull’esperienza e di abbandonarsi semplicemente a quello che è smettendo di creare resistenza. 

Santosha non è necessariamente legato alla materialità del concetto di appagamento e soddisfazione o all’idea di “accontentarsi” di ciò che si ha, ma piuttosto la capacità di vivere con grazia ogni momento della vita indipendentemente dalle circostanze. É fondamentalmente la realizzazione che lo stato di grazia esiste perpetuamente.

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia un commento e condividilo con chi può trovarlo interessante

Namaste

This image has an empty alt attribute; its file name is namaste.jpg

Il potere della Gratitudine

Ogni giorno invito le persone che mi circondano a riconnettersi con l’emozione della gratitudine dal profondo del cuore e oggi vi spiego perchè.

Riconoscere ciò che apprezziamo nella vita significa capire chi siamo, ciò che conta per noi e i motivi per cui vale la pena di vivere ogni giorno.

Imparare a prestare attenzione a ciò per cui siamo grati ci mette in uno stato d’animo positivo, ci collega al mondo che ci circonda e a noi stessi. Per questo l’introduzione di abitudini quotidiane di apprezzamento e riconoscimento ci può cambiare la vita ed essere addirittura la chiave del successo e della felicità. 

La gratitudine si accompagna all’ottimismo, alla buona salute e al buon sonno e ha effetti positivi duraturi sul cervello. Allontanandoci dalle emozioni negative tossiche agevola l’avanzamento negli obiettivi personali e aumenta generosità, empatia e autostima.

Esprimere gratitudine quotidianamente migliora il benessere mentale, fisico e relazionale poichè essere grati influisce sull’esperienza della felicità con effetti che tendono ad essere di lunga durata.

Inoltre inevitabilmente questa pratica richiede un esercizio di consapevolezza, ovvero quello stato di attenzione al presente e la capacità di riconnettersi con la propria vita e ciò che ci è donato in ogni momento. Quando pratichiamo la consapevolezza, permettiamo ai nostri pensieri e sentimenti di muoversi attraverso di noi senza blocchi nè controllo. Essa ci consente di rimanere più connessi con la nostra natura, sentirla, sentirci e risvegliarci alla verità della nostra esistenza quotidiana. Dunque praticare la consapevolezza è un modo organico ed efficace per osservare la nostra vita e attingere ai nostri sentimenti sinceri e pronfondi di gratitudine.

Malgrado i benefici della gratitudine richiedano tempo e costanza, nessuno effetto negativo è associato alla pratica e maggiore felicità e benessere sono sicuramente obiettivi che vogliamo tutti raggiungere nel nostro quotidiano. 

Le vacanze, quando siete rilassati e predisposti ad accogliere la bellezza che vi circonda, sono un momento ideale per introdurre questa meravigliosa pratica. Approfittatene dunque per cominciare a scrivere ogni giorno una lista di cose, persone e situazioni della vostra vita che vi rendono felici, soddisfatti e per cui siete profondamente grati.

Il sentiero verso la Vera Felicità è quello della Libertà e per raggiungerla dobbiamo coltivare FiduciaVerità e Amore.

La felicità è uno stato di libertà dalla sofferenza, dall’ignoranza e dall’odio per sè stessi e solo l’amore può consentire un tale stato. L’amore di cui parlo non è indirizzato all’esterno, verso una persona o un oggetto, ma è uno stato d’essere costante, eterno ed incodizionato, il cosiddetto Eros. Per essere felici dobbiamo dunque imparare ad amare incondizionatamente noi stessi e la vita in quanto esperienza di continua crescita ed espansione.

Il requisito essenziale del vero amore è la fiducia. L’amore incondizionato è totale apertura del cuore alla vita e all’ignoto e questa condizione richiede coraggio e fede, qualità che dissolvono ogni forma di paura che blocca e che chiude e sono presenti quando si coltiva la saggezza e ci si allinea con la Verità, solo allora sarà possibile abbandonarsi al vero amore e camminare il sentiero della Libertà.